Paolo Di Paolo: “Mi sento novecentesco rispetto alle strutture culturali e interrogo quel secolo”

You are here: